Prossimo evento
  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

La Quaresima

La Quaresima

“L’annuale cammino di penitenza della Quaresima è il tempo di grazia, durante il quale si sale al monte santo della Pasqua. Infatti, la Quaresima, per la sua duplice caratteristica, riunisce insieme catecumeni e fedeli nella celebrazione del mistero pasquale. I catecumeni, sia attraverso l’“elezione” e gli “scrutini” che per mezzo della catechesi vengono ammessi ai sacramenti dell’iniziazione cristiana; i fedeli invece attraverso l’ascolto più frequente della Parola di Dio e una più intensa orazione vengono preparati con la penitenza a rinnovare le promesse del Battesimo” (Lettera circolare sulla preparazione e celebrazione delle feste pasquali 6).

 

La Quaresima: un cammino battesimale

I sacramenti dell’iniziazione cristiana hanno un carattere pasquale poiché coloro che sono scelti per ricevere i sacramenti dell’iniziazione, per la prima volta, attraverso il sacramento partecipano al mistero pasquale di Cristo, con lui vengono sepolti nella morte per risorgere ad una vita nuova. La Quaresima nasce proprio per venire incontro all’esigenza di preparare i catecumeni, attraverso un cammino più intenso, alla celebrazione dei sacramenti dell’iniziazione nella veglia pasquale.

È per questo motivo che il lezionario delle domeniche di Quaresima dell’anno A, con l’itinerario battesimale tracciato dalle letture delle tentazioni (I domenica), della Trasfigurazione (II domenica) e del vangelo della samaritana, del cieco nato, e di Lazzaro (III, IV e V domenica) sono più adeguate per entrare nel significato originario di questo tempo. Dove poi ci sono i catecumeni che nella veglia pasquale riceveranno l’iniziazione cristiana, la Quaresima appare proprio come itinerario verso la pasqua di Cristo e dei cristiani che vi partecipano attraverso il sacramento. La comunità cristiana è così sollecitata a riscoprire la propria vocazione battesimale e a rinnovare la propria scelta di andare dietro a Cristo per partecipare alla sua Pasqua.

La Quaresima: un cammino penitenziale

Accanto alla necessità di preparare i catecumeni ai sacramenti pasquali la Quaresima si forma anche per la necessità di riconciliare i penitenti prima della festa di Pasqua e precisamente al mattino del giovedì santo. Al mattino del giovedì santo termina il tempo di Quaresima. Questo tempo assume così un secondo aspetto, accanto a quello battesimale, cioè un aspetto penitenziale. I penitenti ricevevano al mercoledì che precedeva la I domenica di Quaresima le ceneri, e poi al termine della Quaresima venivano riconciliati e riammessi all’Eucaristia e alla comunione ecclesiale.

Questo particolare aspetto ha permesso alla comunità cristiana di riscoprirsi, ogni anno, in un perenne stato di conversione al Signore e proprio attraverso l’ascolto più intenso della Parola e attraverso la celebrazione dei sacramenti giungere con un cuore rinnovato alle feste pasquali.

Oggi l’imposizione delle ceneri al mercoledì segna l’inizio della quaresima, ed è un momento importante e molto sentito nelle comunità cristiane. Insieme alla penitenza (digiuno), proprio dal Vangelo che si legge al mercoledì delle ceneri, siamo invitati a vivere questo tempo nella preghiera  e nella carità fraterna.

Le domeniche dell’anno A, lo abbiamo già detto, sottolineano molto la dimensione battesimale della quaresima, le letture dell’anno B e dell’anno C ci aiutano a percepire questo cammino verso la Pasqua come un itinerario alla riscoperta dell’alleanza rinnovata attraverso il mistero pasquale di Gesù Cristo e come un tempo di riconciliazione che trova il proprio culmine nella celebrazione della Pasqua.

Don PaoloParroco