Prossimo evento
  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Venerdì Santo della Passione del Signore

Venerdì Santo della Passione del Signore

  • Posted In
  • Parrocchia San Pio X - Avezzano
  • Likes

  • 07:30:00 - 22:15:00
  • -

Venerdì santo della Passione del Signore

Primo giorno del Triduo Pasquale

19 Aprile 2019

 

Ore 07.30 – Preghiera del mattino.

Durante la giornata è bene sostare in adorazione presso l’altare della  Reposizione.

 

Ore 15.00 – Celebrazione della Passione del Signore.

Liturgia della Parola, ostensione della Croce.

Preghiera universale e adorazione della Croce

Ore 19.00 – Processione di Cristo morto e dell’Addolorata  (da San Rocco)

Ore 21.30 – Ufficio della Sepoltura del Signore

 

 

In questo giorno in cui “Cristo nostra pasqua è stato immolato”, la chiesa con la meditazione della passione del suo Signore e sposo e con l’adorazione della croce commemora la sua origine dal fianco di Cristo, che riposa sulla croce, e intercede per la salvezza di tutto il mondo.

In questo giorno la chiesa, per antichissima tradizione, non celebra l’eucaristia.

Il venerdì della passione del Signore è giorno di penitenza obbligatoria in tutta la chiesa, da osservarsi con l’astinenza e il digiuno.

Si faccia la celebrazione della passione del Signore. Il sacerdote e i ministri si recano all’altare in silenzio, senza canto.

Il sacerdote e i ministri, fatta la riverenza all’altare, si prostrano in terra: tale prostrazione, come rito proprio di questo giorno, si conservi con cura, per il significato che assume di un’umiliazione dell’“uomo terreno” e della mestizia dolorosa della chiesa. Durante l’ingresso dei ministri i fedeli rimangono in piedi. Quindi anche loro si inginocchiano e pregano in silenzio.

La croce da mostrare al popolo sia sufficientemente grande; tutto questo rito si compia con lo splendore di dignità che conviene a tale mistero della nostra salvezza; sia l’invito fatto nel mostrare la santa croce che la risposta data dal popolo si eseguano con il canto. Non si ometta il silenzio riverente dopo ciascuna prostrazione, mentre il sacerdote celebrante rimane in piedi tenendo elevata la croce.

Si presenti la croce all’adorazione di ciascun fedele, perché l’adorazione personale della croce è un elemento molto importante in questa celebrazione.